Aziende
# I trucchi per risparmiare energia senza limiti
# I trucchi per risparmiare energia senza limiti

a cura di MINERGIE® Svizzera, Agenzia Svizzera italiana | 

Il tema dell’efficienza energetica riecheggia in modo ricorrente nelle discussioni di attualità politica ed economica in Svizzera come nei Paesi dell’UE. Parallelamente cresce la consapevolezza dei cittadini sul fatto che il consumo razionale dell’energia, il ricorso sempre maggiore alle energie rinnovabili e la costruzione di edifici sostenibili sia ormai imprescindibile.

Proprio gli edifici, in particolare quelli edificati prima dell’anno 2000, sono dei grandi divoratori di energia e incidono notevolmente sul consumo energetico totale del nostro Paese. Il potenziale d’azione sul parco immobiliare è di fatto enorme e nei prossimi decenni sarà necessariamente sottoposto a interventi di risanamento (involucro, impianti, ecc.). Sta di fatto che non tutti i cittadini sono proprietari immobiliari oppure possono permettersi di rinnovare casa dall’oggi al domani. Tutti però (proprietari e inquilini) possono contribuire alla “svolta energetica” della Confederazione adottando dei piccoli accorgimenti quotidiani che permettono di risparmiare energia e costi. Alle parole “risparmio energetico” spesso si associano scenari apocalittici: stanze fredde, serate al buio, docce gelate, ecc. Tutto questo non è realtà: per risparmiare energia non è necessario privarsi del comfort, ma solo rivedere alcune nostre abitudini.

I piccoli trucchi quotidiani | Si stima che ogni giorno utilizziamo fino al 40% del nostro fabbisogno energetico per riscaldare i locali e l’acqua calda in casa nostra e il 10% per l’elettricità necessaria a far funzionare i diversi apparecchi elettrici. Partendo da questi dati e dal presupposto che tutti abbiamo nelle nostre mani il potere di migliorare l’efficienza energetica dell’economia domestica in cui viviamo, senza dover rinunciare al comfort abitativo, proviamo a capire come fare il primo passo. Chi vive in un edificio energeticamente efficiente parte da una posizione avvantaggiata rispetto a chi abita in una costruzione tradizionale, in quanto i consumi dell’edificio sono già ridotti in modo significativo. Ciononostante, se è vero che l’idea di rinnovare casa richiede una riflessione approfondita, è altrettanto vero che esistono alcuni semplici trucchi per ridurre il consumo energetico delle nostre economie domestiche che tutti possiamo attuare da subito e con i quali possiamo arrivare a risparmiare fino alla metà dell’energia elettrica che oggi consumiamo¹. L’idea di partenza è che l’energia che non si consuma non deve essere risparmiata. Ecco quindi alcune misure di risparmio energetico per migliorare l’efficienza energetica delle nostre economie domestiche:

¹ Opuscolo “Risparmiare energia tutti i giorni” (2013), SvizzeraEnergia

Illuminazione:

  • Scegliete delle lampade a LED o a risparmio energetico: a pari luminosità potrete risparmiare fino all’80% dell’elettricità. Le lampadine a incandescenza trasformano in luce solo il 5% del calore (elettricità), mentre le lampadine a risparmio energetico permettono di produrre luce con il 25% dell’elettricità fornita. La tecnologia a LED permette di migliorare ulteriormente queste percentuali, oltre ad avere una lunga durata nel tempo.
  • Sfruttate al massimo la luce naturale durante il giorno e rafforzate l’illuminazione con pareti bianche: oltre al vostro borsellino, ne beneficerà anche il vostro benessere.

Apparecchi elettrici:

  • Spegnete tutti gli apparecchi quando non li utilizzate: la funzionalità stand-by, così come gli alimentatori scollegati dagli apparecchi ma inseriti nelle prese, consumano inutilmente considerevoli quantità di energia.
  • Utilizzate prese multiple: oltre a risparmiare elettricità avrete anche una maggiore sicurezza in caso di danni da fulmini o incendi.
  • Scegliete sempre i prodotti a basso consumo energetico contraddistinti dalla migliore etichetta energetica disponibile sul mercato.
  • Oltre al loro utilizzo, anche la produzione di elettrodomestici richiede grandi quantità di energia: condividete gli elettrodomestici che usate meno anziché comprarli.

Cucinare:

  • Portando l’acqua in ebollizione con un bollitore risparmiate il 50% di energia.
  • Cucinare utilizzando piastre di grandezza adeguata e tenendo i coperchi sulle pentole vi permette di risparmiare il 30% di energia.
  • Riscaldate le pietanze nel forno a microonde anziché in padella.
  • Aspettate che le pietanze si raffreddino prima di metterle in frigorifero.
  • Mantenete una temperatura del frigorifero compresa tra i 5 e i 7°C (due gradi in più richiedono fino al 12% di elettricità in meno).
  • Scegliete una lavastoviglie a basso consumo e fatela funzionare solo a pieno carico: consumerete meno energia che con un lavaggio a mano.
  • Prediligete macchine del caffè con dispositivo di spegnimento automatico.
  • Installate il congelatore in cantina: la temperatura ambientale più bassa contribuirà a un minore consumo di elettricità.
  • Oltre all’energia necessaria per la cottura, considerate anche l’energia grigia necessaria alla produzione, al trasporto e alla lavorazione degli alimenti che acquistate.

Fare il bucato:

  • Lavate il bucato a basse temperature: a 30°C si ottiene un buon risultato e il consumo energetico è inferiore del 40% rispetto a un lavaggio a 60°C.
  • Stendete la biancheria al sole anziché usare l’asciugatrice.

Consumo di acqua:

  • Fate la doccia anziché il bagno: si possono risparmiare fino a 100 litri di acqua e, risparmiando acqua calda, si consuma 4 volte meno energia.
  • Utilizzate prodotti idrosanitari (miscelatori, soffioni per doccia, regolatori del getto d’acqua,...) della migliore categoria energetica per risparmiare fino al 50% di acqua.
  • Regolate la temperatura dell’acqua nel bollitore a 55°C al massimo; oltre a risparmiare energia, ridurrete i depositi di calcare.

Clima interno:

  • Per avere un clima interno gradevole, una temperatura di 20°C in soggiorno e di 17°C in camera da letto è sufficiente: per ogni grado in meno di temperatura si ha un risparmio energetico del 6%.
  • Spegnete il riscaldamento nei locali inutilizzati.
  • Sfruttate al meglio il calore disponibile facendo circolare liberamente l’aria calda nei locali.
  • Quando partite per le vacanze, impostate il riscaldamento su una temperatura più bassa.
  • Arieggiate in modo rapido ma decisivo: spalancando contemporaneamente le finestre più volte al giorno per 5-10 minuti ed evitando delle aperture prolungate a ribalta ridurrete le perdite energetiche.
  • In inverno, di notte, chiudete tapparelle e imposte per rallentare il raffreddamento delle stanze oppure spegnete il riscaldamento se volete dormire con la finestra aperta.
  • In estate, arieggiando i locali al mattino e ombreggiando correttamente le finestre durante il giorno, manterrete un clima fresco e gradevole.

Elettricità ecologica:

  • Utilizzate elettricità ecologica certificata con un marchio: il sovrapprezzo rispetto alla corrente normalmente acquistata è minimo (poco più di un franco al mese a testa per la più economica), ma i benefici sull’ambiente sono significativi.

Un passo in più | Questa piccola rassegna di consigli può aiutare gli utenti a essere più sostenibili e responsabili, ma è bene sapere che ci si può spingere ancora un passo oltre. Le abitudini dei singoli sono estremamente rilevanti nel bilancio energetico di un’economia domestica ma, in una situazione ottimale, anche le caratteristiche dello stesso edificio sono fondamentali. Se esistono i presupposti per un intervento importante sull’involucro della costruzione e gli impianti di riscaldamento e produzione di acqua calda sanitaria, finalizzati per esempio al raggiungimento di una certificazione Minergie, i consumi energetici possono essere ridotti fino al 90%. Per raggiungere tali obiettivi non va dimenticato che, così come in una costruzione tradizionale, anche in un edificio energeticamente efficiente come per esempio una costruzione certificata secondo standard Minergie, il comportamento degli utenti ha un ruolo fondamentale. A titolo di paragone immaginiamo di possedere l’ultimo modello di smartphone disponibile sul mercato, ma utilizzarlo unicamente per ricevere ed effettuare delle chiamate: la funzione principale di tale apparecchio verrebbe sì utilizzata, ma il vero potenziale non verrebbe sfruttato.

Agire da subito! | Al giorno d’oggi, il fabbisogno energetico pro capite in Svizzera è di circa 6’000 Watt (considerando anche il fabbisogno di merci e servizi importati, si raggiungono 8’300 Watt pro capite). Il fabbisogno in una società sostenibile dovrebbe invece essere di 2’000 Watt pro capite². Per raggiungere gli obiettivi della nuova politica energetica federale e assicurare l’approvvigionamento energetico futuro, è quindi necessario ridurre di almeno un terzo il consumo attuale di energia. Considerando che nel settore domestico viene consumato quasi il 30% dell’intero fabbisogno energetico svizzero, vi è un notevole potenziale di risparmio energetico e sui costi gestionali.

² Società a 2000 Watt, www.2000watt.ch

Maggiori informazioni:
www.svizzeraenergia.ch e
www.minergie.ch

© Riproduzione riservata

# I trucchi per risparmiare energia senza limiti # I trucchi per risparmiare energia senza limiti # I trucchi per risparmiare energia senza limiti
Torna indietro
Iscriviti alla newsletter